Refrigerazione per mungitura robotizzata

Con questo tipo di mungitura, le vacche vengono munte durante ± 20 ore al giorno. Per questo motivo, la vasca di raffreddamento del latte deve essere progettata per raffreddare il latte da 35 ° C a 3-4 ° C ininterrottamente in queste 20 ore e non durante le 2-3 mungiture giornaliere. (raffreddamento in batch).
Ovviamente tutti serbatoi con acqua gelida (RM/IB, REM/DIB, LEM-LS/DIB e VM/DIB) sono ideali per raffreddare il latte che deriva dai sistemi di mungitura robotizzata.
Per ottimizzare il numero giornaliero di mungiture per vacca, il fermo del robot di mungitura deve essere limitato al minimo. Pertanto l’installazione di un serbatoio tampone (Buffer) è essenziale nel progetto di un sistema di raffreddamento del latte derivante da mungitura robotizzata.
Dopo la raccolta del latte dal tank principale, viene avviata la procedura di lavaggio automatico del tank stesso. Durante questa fase, al fine di non dover fermare il robot di mungitura, riducendone la produttività, il latte viene inviato automaticamente ad serbatoio tampone, detto buffer tank. Pertanto è possibile continuare a mungere attraverso il robot mentre il serbatoio di raffreddamento del latte viene pulito a fondo. Così facendo il ritmo di mungitura degli animali non sarà disturbato interrompendo il robot di mungitura senza necessità. Non appena il serbatoio di raffreddamento principale del latte avrà terminato la procedura di lavaggio, tornerà a ricevere il latte munto dal robot oltre che quello stoccato nel serbatoio tampone (buffer). Quest’ultimo inizierà a sua volta le operazioni di lavaggio per poter essere pronto l durante la successiva raccolta del latte. Tutte le operazioni indicate sopra sono svolte in modo automatico attraverso l’interfaccia dei vari componenti tra loro

Questo post è disponibile anche in: Inglese